Open
Open 24h today
  • Monday

    Open 24h

  • Tuesday

    Open 24h

  • Wednesday

    Open 24h

  • Thursday

    Open 24h

  • Friday

    Open 24h

  • Saturday

    Open 24h

  • Sunday

    Open 24h

  • Dicembre 9, 2022 16:59 local time

La grotta sotto la Chiesa San Bartolomeo

Sulle orme di San Rocco

La storia religiosa del Sasso si intreccia con le vicende di San Pietro, San Guglielmo e San Rocco. Di quest'ultimo, non a caso, sotto la chiesa parrocchiale di San Bartolomeo, si trova la Buca di San Rocco, una grotta naturale che si estende dallo sperone del colle fin quasi sotto la piazza della chiesa. Qui, si narra, vi sostò San Rocco per curare le piaghe con le acque sulfuree della Troscia, la calda laguna colma di putizze e fumarole che circondava il castello del Sasso.

San Rocco fu un pellegrino francese che fece voto di recarsi a Roma per pregare sulla tomba dei Santi Pietro e Paolo. Non è possibile ricostruire il suo percorso, ma la tradizione di Sasso porta a credere che sia passato davvero di qui. Fu venerato come santo dalla Chiesa cattolica e in un'analisi più generale è il santo più invocato, dal Medioevo in poi, come protettore dal terribile flagello della peste. E' il patrono degli appestati; lui a differenza degli altri che normalmente temevano di essere contagiati, si è messo al servizio dei malati per rendere loro una vita migliore.

La grotta sotto la Chiesa San Bartolomeo

Sulle orme di San Rocco

La storia religiosa del Sasso si intreccia con le vicende di San Pietro, San Guglielmo e San Rocco. Di quest'ultimo, non a caso, sotto la chiesa parrocchiale di San Bartolomeo, si trova la Buca di San Rocco, una grotta naturale che si estende dallo sperone del colle fin quasi sotto la piazza della chiesa. Qui, si narra, vi sostò San Rocco per curare le piaghe con le acque sulfuree della Troscia, la calda laguna colma di putizze e fumarole che circondava il castello del Sasso.

San Rocco fu un pellegrino francese che fece voto di recarsi a Roma per pregare sulla tomba dei Santi Pietro e Paolo. Non è possibile ricostruire il suo percorso, ma la tradizione di Sasso porta a credere che sia passato davvero di qui. Fu venerato come santo dalla Chiesa cattolica e in un'analisi più generale è il santo più invocato, dal Medioevo in poi, come protettore dal terribile flagello della peste. E' il patrono degli appestati; lui a differenza degli altri che normalmente temevano di essere contagiati, si è messo al servizio dei malati per rendere loro una vita migliore.