Not Available
Today's work schedule is not available
  • Monday

    Closed

  • Tuesday

    Closed

  • Wednesday

    Closed

  • Thursday

    Closed

  • Friday

    N/A

  • Saturday

    N/A

  • Sunday

    Closed

  • Ottobre 7, 2022 16:57 local time

Chiesa interna al castello di Serrazzano

Antica chiesa longobarda

A Serrazzano, proprio nel punto più alto del castello fortificato da una solida e compat­ta cinta muraria, i longobardi, conver­titisi al cattolicesimo eressero un piccolo tempio intitolato a San Michele Arcangelo. La Chiesa di San Michele, sorta intorno all'anno Mille, ha una struttura gotica frutto di rimaneggiamenti successivi. Attirano l'attenzione la facciata ed il portale decorato del Duecento e le quattro volte a crociera interne del Trecento.

Inizialmente questa chiesa era privata, ad uso esclusivo del signore del castello di Serrazzano, poi ne venne concesso l'usufrutto al cenobio di San Pietro in Palazzuolo, di grande influenza sul territorio pomarancino. Invece, sotto il potere della Diocesi volterrana, la chiesa divenne pubblica, appartenente al popolo. Ottenne i titoli di chiesa parrocchiana soltanto dopo i primi anni del Quattrocento, quando la pieve di San Donato, situata nella campagna adiacente al castello, venne rimpiazzata da questa interna per motivi meramente logistici. Il trasferimento completo di tutti i titoli della precedente chiesa comportò la variazione del suo nome, cambiando da Chiesa di San Michele a Chiesa di San Donato.

Chiesa interna al castello di Serrazzano

Antica chiesa longobarda

A Serrazzano, proprio nel punto più alto del castello fortificato da una solida e compat­ta cinta muraria, i longobardi, conver­titisi al cattolicesimo eressero un piccolo tempio intitolato a San Michele Arcangelo. La Chiesa di San Michele, sorta intorno all'anno Mille, ha una struttura gotica frutto di rimaneggiamenti successivi. Attirano l'attenzione la facciata ed il portale decorato del Duecento e le quattro volte a crociera interne del Trecento.

Inizialmente questa chiesa era privata, ad uso esclusivo del signore del castello di Serrazzano, poi ne venne concesso l'usufrutto al cenobio di San Pietro in Palazzuolo, di grande influenza sul territorio pomarancino. Invece, sotto il potere della Diocesi volterrana, la chiesa divenne pubblica, appartenente al popolo. Ottenne i titoli di chiesa parrocchiana soltanto dopo i primi anni del Quattrocento, quando la pieve di San Donato, situata nella campagna adiacente al castello, venne rimpiazzata da questa interna per motivi meramente logistici. Il trasferimento completo di tutti i titoli della precedente chiesa comportò la variazione del suo nome, cambiando da Chiesa di San Michele a Chiesa di San Donato.