Open
Open 24h today
  • Monday

    Open 24h

  • Tuesday

    Open 24h

  • Wednesday

    Open 24h

  • Thursday

    Open 24h

  • Friday

    Open 24h

  • Saturday

    Open 24h

  • Sunday

    Open 24h

  • Ottobre 7, 2022 15:54 local time

Una sfida per passarci in mezzo

Vicolo più stretto della Toscana

Il vicolo più stretto d’Italia è ampio solo quarantatré centimetri, ma poco dopo si restringe a trentotto: una conformazione particolare che gli è valso il primato. Non ha un nome, ma si trova nel borgo di Ripatransone, in provincia di Ascoli Piceno. In Toscana però il record se lo prende il Chiassino, vicolo claustrofobico di soli cinquanta centimetri. Si trova all'interno del centro storico del borgo medievale di Castelnuovo Val di Cecina e si annovera nella classifica dei vicoli più stretti del mondo.

I vicoli per essere tali devono essere pavimentati, percorribili e dotati di almeno una porta o di una finestra. Requisiti che il Chiassino rispetta con il suo piano a bozze e una finestrina a lato, capace di filtrare la luce solo all'ora di punta, quando il sole si trova sullo zenit. Tradizione vuole che questo vicolo venne costruito appositamente così stretto per contare le pecore dei contadini, le quali, immesse una ad una al suo interno, uscivano dall'altra parte contate. Oggi questa stradina conquista il cuore dei turisti, che non resistono dal fotografarsi mentre cercano di attraversarla.

Una sfida per passarci in mezzo

Vicolo più stretto della Toscana

Il vicolo più stretto d’Italia è ampio solo quarantatré centimetri, ma poco dopo si restringe a trentotto: una conformazione particolare che gli è valso il primato. Non ha un nome, ma si trova nel borgo di Ripatransone, in provincia di Ascoli Piceno. In Toscana però il record se lo prende il Chiassino, vicolo claustrofobico di soli cinquanta centimetri. Si trova all'interno del centro storico del borgo medievale di Castelnuovo Val di Cecina e si annovera nella classifica dei vicoli più stretti del mondo.

I vicoli per essere tali devono essere pavimentati, percorribili e dotati di almeno una porta o di una finestra. Requisiti che il Chiassino rispetta con il suo piano a bozze e una finestrina a lato, capace di filtrare la luce solo all'ora di punta, quando il sole si trova sullo zenit. Tradizione vuole che questo vicolo venne costruito appositamente così stretto per contare le pecore dei contadini, le quali, immesse una ad una al suo interno, uscivano dall'altra parte contate. Oggi questa stradina conquista il cuore dei turisti, che non resistono dal fotografarsi mentre cercano di attraversarla.