Closed
Closed today
  • Monday

    Closed

  • Tuesday

    Closed

  • Wednesday

    Closed

  • Thursday

    Closed

  • Friday

    Closed

  • Saturday

    Closed

  • Sunday

    Closed

  • Dicembre 9, 2022 15:53 local time

Un santuario a San Dalmazio

A protezione di un chiodo miracoloso

La parte del paese di San Dalmazio che guarda la valle del Possera è denominata San Donnino e ruota intorno alla figura di questo martire a cui hanno eretto anche un oratorio omonimo. San Donnino era un medico e, dove i medici del passato avevano fallito nella cura dei casi di idrofobia conosciuta meglio come rabbia, lui riuscì con una soluzione efficace. Al limite della stregoneria era arrivato ad adottare l'uso di un chiodo arroventato che, posto sulla ferita, riusciva a guarire le persone.

Il chiodo miracoloso venne ceduto dal medico agli abitanti del castello di San Dalmazio con la funzione di avere proprio questo potere di far guarire le persone morse da animali rabbiosi. La tradizione vuole che l'oggetto fosse ceduto ai Serafini, famiglia quivi residente, e poi posto all'interno di un santuario eretto proprio per conservarne le sue proprietà: l'oratorio di San Donnino. La sua adorazione fu talmente grande che portò a tributare il santo dedicandogli in odonomastica un intero quartiere del centro abitato.

> Scopri, il Chiodo di San Donnino

Un santuario a San Dalmazio

A protezione di un chiodo miracoloso

La parte del paese di San Dalmazio che guarda la valle del Possera è denominata San Donnino e ruota intorno alla figura di questo martire a cui hanno eretto anche un oratorio omonimo. San Donnino era un medico e, dove i medici del passato avevano fallito nella cura dei casi di idrofobia conosciuta meglio come rabbia, lui riuscì con una soluzione efficace. Al limite della stregoneria era arrivato ad adottare l'uso di un chiodo arroventato che, posto sulla ferita, riusciva a guarire le persone.

Il chiodo miracoloso venne ceduto dal medico agli abitanti del castello di San Dalmazio con la funzione di avere proprio questo potere di far guarire le persone morse da animali rabbiosi. La tradizione vuole che l'oggetto fosse ceduto ai Serafini, famiglia quivi residente, e poi posto all'interno di un santuario eretto proprio per conservarne le sue proprietà: l'oratorio di San Donnino. La sua adorazione fu talmente grande che portò a tributare il santo dedicandogli in odonomastica un intero quartiere del centro abitato.

> Scopri, il Chiodo di San Donnino