Not Available
Today's work schedule is not available
  • Monday

    Open 24h

  • Tuesday

    N/A

  • Wednesday

    N/A

  • Thursday

    N/A

  • Friday

    N/A

  • Saturday

    N/A

  • Sunday

    N/A

  • Ottobre 7, 2022 16:53 local time

Abbandonate all'incuria

Le fonti della contrada di Santa Maria

Nella prima metà del III sec. d.C. fu costruito, poco al di fuori delle mura di cinta, un grande impianto termale. In quest'occasione fu allestita una conduttura in muratura con direzione Nord-Sud, che raccoglieva le acque provenienti da Nord e le convogliava in una vasca di decantazione delle Fonti di San Felice. Dopo la decadenza dell'impianto l'acqua si disperse, ma una parte di essa fu condotta, tramite una tubatura, al di fuori delle mura, dove venne costruita una nuova vasca. E' così che nel Trecento venne costruita la struttura ancora oggi visibile: la struttura dei Lavatoi di San Felice.

Nel Settecento l'acqua fu analizzata e venne ritenuta adatta anche alle cure termali; per questo motivo fu costruito un piccolo edificio al di fuori delle mura dove potessero essere comodamente praticati i bagni curativi. Questa destinazione terminò comunque ben presto. I Lavatoi di San Felice sono stati utilizzati fino al secolo scorso, sia per il lavaggio dei panni che come abbeveratoio per gli animali, ma oggi si trovano in abbandono.

Abbandonate all'incuria

Le fonti della contrada di Santa Maria

Nella prima metà del III sec. d.C. fu costruito, poco al di fuori delle mura di cinta, un grande impianto termale. In quest'occasione fu allestita una conduttura in muratura con direzione Nord-Sud, che raccoglieva le acque provenienti da Nord e le convogliava in una vasca di decantazione delle Fonti di San Felice. Dopo la decadenza dell'impianto l'acqua si disperse, ma una parte di essa fu condotta, tramite una tubatura, al di fuori delle mura, dove venne costruita una nuova vasca. E' così che nel Trecento venne costruita la struttura ancora oggi visibile: la struttura dei Lavatoi di San Felice.

Nel Settecento l'acqua fu analizzata e venne ritenuta adatta anche alle cure termali; per questo motivo fu costruito un piccolo edificio al di fuori delle mura dove potessero essere comodamente praticati i bagni curativi. Questa destinazione terminò comunque ben presto. I Lavatoi di San Felice sono stati utilizzati fino al secolo scorso, sia per il lavaggio dei panni che come abbeveratoio per gli animali, ma oggi si trovano in abbandono.