Open
Open 24h today
  • Monday

    Open 24h

  • Tuesday

    Open 24h

  • Wednesday

    Open 24h

  • Thursday

    Open 24h

  • Friday

    Open 24h

  • Saturday

    Open 24h

  • Sunday

    Open 24h

  • Ottobre 7, 2022 19:21 local time

La cinta muraria nascosta

Le mura ciclopiche meglio conservate

Il tratto murario qui visibile è uno dei più conservati della grande cerchia di Volterra; essendo infatti, facilmente accessibile, ha subito continui restauri nel corso degli anni. Originariamente le mura antiche come queste erano costruite in blocchi parallelepipedi regolari disposti a secco su assise orizzontali; la muratura a secco, che accomuna tutti i tratti della grande cerchia, rendeva necessario l’utilizzo di blocchi di grandi dimensioni e la predisposizione a monte di un sistema di drenaggio delle acque, costituito da canali di raccolta, della cui esistenza sono testimonianza le “bocche” di smaltimento ancora visibili sui paramenti. Questo sistema consentiva, inoltre, l’utilizzo di alcune aree, dentro le mura, a scopo agricolo.

Nel Novecento il tratto di mura ha subito una serie di interventi di consolidamento che, purtroppo, ne hanno modificato l’aspetto in modo significativo. I giunti fra i grossi blocchi sono stati sigillati con malta, a volte cementizia, e le mancanze nella parte inferiore delle mura sono state integrate con muratura costituita da blocchi di piccole dimensioni legati con malta.

La cinta muraria nascosta

Le mura ciclopiche meglio conservate

Il tratto murario qui visibile è uno dei più conservati della grande cerchia di Volterra; essendo infatti, facilmente accessibile, ha subito continui restauri nel corso degli anni. Originariamente le mura antiche come queste erano costruite in blocchi parallelepipedi regolari disposti a secco su assise orizzontali; la muratura a secco, che accomuna tutti i tratti della grande cerchia, rendeva necessario l’utilizzo di blocchi di grandi dimensioni e la predisposizione a monte di un sistema di drenaggio delle acque, costituito da canali di raccolta, della cui esistenza sono testimonianza le “bocche” di smaltimento ancora visibili sui paramenti. Questo sistema consentiva, inoltre, l’utilizzo di alcune aree, dentro le mura, a scopo agricolo.

Nel Novecento il tratto di mura ha subito una serie di interventi di consolidamento che, purtroppo, ne hanno modificato l’aspetto in modo significativo. I giunti fra i grossi blocchi sono stati sigillati con malta, a volte cementizia, e le mancanze nella parte inferiore delle mura sono state integrate con muratura costituita da blocchi di piccole dimensioni legati con malta.