Closed
Closed today
  • Monday

    Closed

  • Tuesday

    Closed

  • Wednesday

    Closed

  • Thursday

    Closed

  • Friday

    Closed

  • Saturday

    Closed

  • Sunday

    Closed

  • Ottobre 7, 2022 18:18 local time

Luogo di culto

La pieve di San Bartolomeo

La pieve di Ponsano è intitolata San Bartolomeo. Si tratta di una chiesa che presenta il suo originale paramento murario solo nella solida facciata in pietra. E' stata costruita su un masso che affiora dal terreno ai margini della strada di accesso. Ha un campanile a vela con due fori. La chiesa di Ponsano fu restaurata alla fine dell'Ottocento perché pericolante, su iniziativa di Illuminato Mascagni che raccolse i fondi occorrenti mediante una colletta indetta fra il popolo di Ponsano. La parte sinistra della chiesa, che fu interessata da questi lavori di restauro, è completamente intonacata.

La chiesa di Ponsano viene nominata in una pergamena di inizio Duecento a causa di una controversia sorta tra il Vescovo e il Comune di Volterra per la dogana del sale e per la giurisdizione su Pomarance. L'accordo che ne scaturì fu siglato in detta pieve. In altra pergamena si dice di un incontro avvenuto nella chiesa di Ponsano fra i delegati pontifici e il procuratore del Comune. Quest'ultimo, infatti, respinse la mediazione di detti delegati nella vertenza con la famiglia Belforti, proprietaria di Farneta, e si appellò direttamente al Papa.

Lontana da tutto

Una antica chiesa

Nell'archivio della Curia Volterrana, a metà del Duecento è ricordato prete Accursus, rettore della chiesa di Ponsano, il quale ebbe dalla pieve di Casole un particolare incarico, relativo ai decreti della fondazione del clero diocesano. E' ricordata poi nel Trecento in occasione della visita pastorale del vescovo Ranuccio Allegretti e nel sinodo diocesano con informazioni relative al suo patrimonio che venne stimato in ventiquattro lire e quindici soldi.

Edificata su un masso affiorante dal terreno ai margini della strada di accesso al borgo, è una semplice costruzione di età romanica del tipo a capanna con capriate a vista e un piccolo coro coperto da volte a botte. Attualmente la chiesa di Ponsano è priva di titolare, ragion per cui, insieme a Lucciana, è sotto la giurisdizione del parroco di Pusciano.

Di fronte alla chiesa si trova il piccolo cimitero, nel quale spicca il tumulo di Don Giuseppe Vigilanti che per ventotto anni, come testimonia la pietra tombale, fu parroco e maestro del popolo di Ponsano. Tutto intorno, vallate e boschi incontaminati.

> Scopri, Avvistamenti di Ponsano

Luogo di culto

La pieve di San Bartolomeo

La pieve di Ponsano è intitolata San Bartolomeo. Si tratta di una chiesa che presenta il suo originale paramento murario solo nella solida facciata in pietra. E' stata costruita su un masso che affiora dal terreno ai margini della strada di accesso. Ha un campanile a vela con due fori. La chiesa di Ponsano fu restaurata alla fine dell'Ottocento perché pericolante, su iniziativa di Illuminato Mascagni che raccolse i fondi occorrenti mediante una colletta indetta fra il popolo di Ponsano. La parte sinistra della chiesa, che fu interessata da questi lavori di restauro, è completamente intonacata.

La chiesa di Ponsano viene nominata in una pergamena di inizio Duecento a causa di una controversia sorta tra il Vescovo e il Comune di Volterra per la dogana del sale e per la giurisdizione su Pomarance. L'accordo che ne scaturì fu siglato in detta pieve. In altra pergamena si dice di un incontro avvenuto nella chiesa di Ponsano fra i delegati pontifici e il procuratore del Comune. Quest'ultimo, infatti, respinse la mediazione di detti delegati nella vertenza con la famiglia Belforti, proprietaria di Farneta, e si appellò direttamente al Papa.

Lontana da tutto

Una antica chiesa

Nell'archivio della Curia Volterrana, a metà del Duecento è ricordato prete Accursus, rettore della chiesa di Ponsano, il quale ebbe dalla pieve di Casole un particolare incarico, relativo ai decreti della fondazione del clero diocesano. E' ricordata poi nel Trecento in occasione della visita pastorale del vescovo Ranuccio Allegretti e nel sinodo diocesano con informazioni relative al suo patrimonio che venne stimato in ventiquattro lire e quindici soldi.

Edificata su un masso affiorante dal terreno ai margini della strada di accesso al borgo, è una semplice costruzione di età romanica del tipo a capanna con capriate a vista e un piccolo coro coperto da volte a botte. Attualmente la chiesa di Ponsano è priva di titolare, ragion per cui, insieme a Lucciana, è sotto la giurisdizione del parroco di Pusciano.

Di fronte alla chiesa si trova il piccolo cimitero, nel quale spicca il tumulo di Don Giuseppe Vigilanti che per ventotto anni, come testimonia la pietra tombale, fu parroco e maestro del popolo di Ponsano. Tutto intorno, vallate e boschi incontaminati.

> Scopri, Avvistamenti di Ponsano