Open
Open 24h today
  • Monday

    Open 24h

  • Tuesday

    Open 24h

  • Wednesday

    Open 24h

  • Thursday

    Open 24h

  • Friday

    Open 24h

  • Saturday

    Open 24h

  • Sunday

    Open 24h

  • Dicembre 2, 2022 19:21 local time

Eretta nel Duecento

La più grande delle porte

È la più grande porta della città. Semplice, austera, con il suo arco a tutto sesto, libera da ornamenti. La porta acquista valore artistico per la eleganza del suo arco e per i suoi tre rozzi merli che la ornano. Anticamente, prima che fosse innalzata la chiesa omonima, la porta era chiamata Porta di Santo Stefano, dalla vicina chiesa ora distrutta, ed anche Porta Pisana per essere rivolta verso la città di Pisa.

La storia di questa Porta risale alla metà del Duecento, quando contrasti e guerre sfrenate avevano indotto il Comune di Volterra a fortificare meglio la città. Gli abitanti, su ordine dei maestri costruttori, tagliarono e sagomarono la pietra, sistemarono mura e barbacani e anche la Porta di San Francesco si innalzò, con la torre e con i merli da dove i balestrieri potevano difendersi e attaccare.

Sopra la porta, così come sopra a quella di Porta Fiorentina, si vede una croce in marmo bianco in campo nero, come insegna collocata dai volterrani per ricordare che i Ghibellini, dopo aver scacciato il partito Guelfo, di nuovo si riunirono con i Volterrani. La "canna volterrana", già scolpita nell'angolo destro della porta, avrebbe concluso il lavoro di costruzione.

La più grande delle porte

Raffigurazioni cristiane a difesa del passaggio

Il Maggior Consiglio ritenendo che le strutture difensive già costruite non fossero abbastanza sufficienti a salvaguardare Volterra dai pericoli esterni, deliberò che, in ogni porta aperta e da aprirsi, si dovesse pitturare delle immagini della Beata Vergine con il bambino. Così alla fine del Duecento la Porta di San Francesco, nella imbotte dell'arco interno, si arreda delle immagini della Madonna con il Bambino e di quelle dei Santi Patroni della città. Per anni la porta ha salvaguardato la città dai nemici interni ed esterni, con i santi che hanno vegliato a lungo sulla tranquillità dei volterrani.

Nel Quattrocento però arrivarono i Fiorentini e nulla poterono i fortilizi volterrani che, insieme ad abitanti e città, furono messi al sacco. E la porta, infatti, è celeberrima anche per essere stata teatro di uno degli assassinii più atroci compiuti dal Ferrucci. Abituato ad uccidere chiunque avesse osato fargli un torto, il Ferrucci fece eseguire la più macabra delle impiccagioni, appendendo il tamburino del Maramaldo ad uno dei merli della Porta con il tamburo al collo.

Eretta nel Duecento

La più grande delle porte

È la più grande porta della città. Semplice, austera, con il suo arco a tutto sesto, libera da ornamenti. La porta acquista valore artistico per la eleganza del suo arco e per i suoi tre rozzi merli che la ornano. Anticamente, prima che fosse innalzata la chiesa omonima, la porta era chiamata Porta di Santo Stefano, dalla vicina chiesa ora distrutta, ed anche Porta Pisana per essere rivolta verso la città di Pisa.

La storia di questa Porta risale alla metà del Duecento, quando contrasti e guerre sfrenate avevano indotto il Comune di Volterra a fortificare meglio la città. Gli abitanti, su ordine dei maestri costruttori, tagliarono e sagomarono la pietra, sistemarono mura e barbacani e anche la Porta di San Francesco si innalzò, con la torre e con i merli da dove i balestrieri potevano difendersi e attaccare.

Sopra la porta, così come sopra a quella di Porta Fiorentina, si vede una croce in marmo bianco in campo nero, come insegna collocata dai volterrani per ricordare che i Ghibellini, dopo aver scacciato il partito Guelfo, di nuovo si riunirono con i Volterrani. La "canna volterrana", già scolpita nell'angolo destro della porta, avrebbe concluso il lavoro di costruzione.

La più grande delle porte

Raffigurazioni cristiane a difesa del passaggio

Il Maggior Consiglio ritenendo che le strutture difensive già costruite non fossero abbastanza sufficienti a salvaguardare Volterra dai pericoli esterni, deliberò che, in ogni porta aperta e da aprirsi, si dovesse pitturare delle immagini della Beata Vergine con il bambino. Così alla fine del Duecento la Porta di San Francesco, nella imbotte dell'arco interno, si arreda delle immagini della Madonna con il Bambino e di quelle dei Santi Patroni della città. Per anni la porta ha salvaguardato la città dai nemici interni ed esterni, con i santi che hanno vegliato a lungo sulla tranquillità dei volterrani.

Nel Quattrocento però arrivarono i Fiorentini e nulla poterono i fortilizi volterrani che, insieme ad abitanti e città, furono messi al sacco. E la porta, infatti, è celeberrima anche per essere stata teatro di uno degli assassinii più atroci compiuti dal Ferrucci. Abituato ad uccidere chiunque avesse osato fargli un torto, il Ferrucci fece eseguire la più macabra delle impiccagioni, appendendo il tamburino del Maramaldo ad uno dei merli della Porta con il tamburo al collo.