Closed
Closed today
  • Monday

    Closed

  • Tuesday

    Closed

  • Wednesday

    Closed

  • Thursday

    Closed

  • Friday

    Closed

  • Saturday

    Closed

  • Sunday

    Closed

  • Ottobre 7, 2022 18:45 local time

Altre due tombe

La necropoli di Ulimeto

Le tombe etrusche che sono state trovate nella necropoli degli Ulimeti sono meno riunite rispetto a quelle delle altre aree cimiteriali, ma di maggior grandezza. Gli ipogei più importanti sono quello della cosiddetta tomba Inghirami, perchè rinvenuto dalla famiglia possedente del terreno, e l’altro detto di Torricchi, perché rinvenuto nei pressi di quel podere.

Queste due tombe, ora vuote, sono rimaste pressoché intatte. La tomba di Torricchi si trova negli scantinati del padiglione Bianchi del complesso ospedaliero manicomiale e presenta due cellette laterali ed una terza sul fondo, unite alla grande camera rettangolare absidata che si trova al centro; tutti i vani sono muniti di letti funebri e dei consueti gradini per le urne. L’ipogeo Inghirami è di forma rotonda con un pilastro al centro, ricavato nella roccia. Sull’ampio gradino che gira intorno all’intero ipogeo erano collocate circa cinquanta urne. Tutto il materiale qui ritrovato fu ceduto al Museo Archeologico di Firenze, nel cui giardino fu ricostruita fedelmente l’intera tomba.

Tomba Inghirami

La vera tomba e la sua riproduzione

La Tomba Inghirami è chiusa tutto l'anno, salvo particolari eventi culturali. Si accede da un dromos con scalini tagliati nella pietra viva; l’ipogeo è di forma rotonda con un pilastro al centro, ricavato nella roccia. Sull’ampio gradino che gira intorno all’intero ipogeo, da quanto alcuni storici asseriscono, erano collocate circa cinquanta urne, alcune di tufo, ma la maggior parte in alabastro e, non poche, messe ad oro e decorate a colori. Appartenevano alla famiglia Ati. Tutto il materiale qui ritrovato fu ceduto al Museo Archeologico di Firenze, nel cui giardino fu ricostruita fedelmente l’intera tomba.

Durante l’Ottocento gli Inghirami eseguirono numerosi scavi, raccogliendo molto materiale. La loro collezione, nonostante le donazioni al nostro Museo e l’acquisizione da parte della Soprintendenza che al tempo aveva diritto solo alla metà del ritrovato, ammontava a sessantadue urne, delle quali quarantatré in tufo, diciassette in alabastro e due in terracotta. Molto materiale è andato in gran parte disperso per successioni ereditarie.

Necropoli

Due Ipogei in mostra

Fino al Settecento con il nome di Borgo San Giusto si intendeva tutta quella parte dell’abitato collocata al fuori delle mura etrusche della Guerruccia, dove si trovava un’antica chiesa dedicata a San Giusto costruita a sua volta sopra una vasta necropoli etrusca, romana e paleocristiana; questo abitato è andato completamente perduto nella frana delle Balze. La necropoli pure.

Tuttavia non tutto tutto è perduto. Più all'interno della borgata è possibile vedere due ipogei del V sec. a. C. che fanno bella mostra di sè sotto l'imponenza della Chiesa di San Giusto. Il primo si mostra come una cavità spoglia, la seconda invece presenta un lungo dromos che, con una rampa di scale, scende nel terreno. Un cancello normalmente vieta l'ingresso, ma tra le sue sbarre è possibile vedere un vestibolo quadrato sul quale si aprono tre piccole camere funerarie ognuna munite di banchine per la deposizione delle urne cinerarie. I reperti provenienti da questa necropoli sono visibili al museo archeologico di Cecina.

> Leggi, Tombe di San Giusto

Buche etrusche

Le tombe più belle del territorio

Se vuoi visitare da dentro gli ipogei etruschi e toccare con mano questi luoghi antichissimi potresti visitare gli Ipogei del Portone. Utilizzate in particolare nel periodo ellenistico ed anche in epoca imperiale dal popolo Etrusco, i tre quarti delle urne in visione nel Museo Archeologico di Volterra provengono da questa necropoli.

Venendo da Volterra, l’ingresso al pianoro dove sono situate le due tombe è in prossimità dell’Agriturismo Villa Marmini, struttura ricettiva da prendere come punto di destinazione per una una eventuale ricerca online sulle coordinate GPS.

A ridosso della strada, sulla sinistra, è presente una scalinata; individuata è necessario parcheggiare sulla banchina della stessa strada, ma a sinistra. Le tombe generalmente sono illuminate, ma non sempre il servizio elettrico è erogato. Onde evitare spiacevoli soprese, portatati una torcia super luminosa.

Evita di toccare le pareti e i soffitti, preserva con buonsenso questi siti storici.

> Scopri, Tombe del Portone

Altre due tombe

La necropoli di Ulimeto

Le tombe etrusche che sono state trovate nella necropoli degli Ulimeti sono meno riunite rispetto a quelle delle altre aree cimiteriali, ma di maggior grandezza. Gli ipogei più importanti sono quello della cosiddetta tomba Inghirami, perchè rinvenuto dalla famiglia possedente del terreno, e l’altro detto di Torricchi, perché rinvenuto nei pressi di quel podere.

Queste due tombe, ora vuote, sono rimaste pressoché intatte. La tomba di Torricchi si trova negli scantinati del padiglione Bianchi del complesso ospedaliero manicomiale e presenta due cellette laterali ed una terza sul fondo, unite alla grande camera rettangolare absidata che si trova al centro; tutti i vani sono muniti di letti funebri e dei consueti gradini per le urne. L’ipogeo Inghirami è di forma rotonda con un pilastro al centro, ricavato nella roccia. Sull’ampio gradino che gira intorno all’intero ipogeo erano collocate circa cinquanta urne. Tutto il materiale qui ritrovato fu ceduto al Museo Archeologico di Firenze, nel cui giardino fu ricostruita fedelmente l’intera tomba.

Tomba Inghirami

La vera tomba e la sua riproduzione

La Tomba Inghirami è chiusa tutto l'anno, salvo particolari eventi culturali. Si accede da un dromos con scalini tagliati nella pietra viva; l’ipogeo è di forma rotonda con un pilastro al centro, ricavato nella roccia. Sull’ampio gradino che gira intorno all’intero ipogeo, da quanto alcuni storici asseriscono, erano collocate circa cinquanta urne, alcune di tufo, ma la maggior parte in alabastro e, non poche, messe ad oro e decorate a colori. Appartenevano alla famiglia Ati. Tutto il materiale qui ritrovato fu ceduto al Museo Archeologico di Firenze, nel cui giardino fu ricostruita fedelmente l’intera tomba.

Durante l’Ottocento gli Inghirami eseguirono numerosi scavi, raccogliendo molto materiale. La loro collezione, nonostante le donazioni al nostro Museo e l’acquisizione da parte della Soprintendenza che al tempo aveva diritto solo alla metà del ritrovato, ammontava a sessantadue urne, delle quali quarantatré in tufo, diciassette in alabastro e due in terracotta. Molto materiale è andato in gran parte disperso per successioni ereditarie.

Necropoli

Due Ipogei in mostra

Fino al Settecento con il nome di Borgo San Giusto si intendeva tutta quella parte dell’abitato collocata al fuori delle mura etrusche della Guerruccia, dove si trovava un’antica chiesa dedicata a San Giusto costruita a sua volta sopra una vasta necropoli etrusca, romana e paleocristiana; questo abitato è andato completamente perduto nella frana delle Balze. La necropoli pure.

Tuttavia non tutto tutto è perduto. Più all'interno della borgata è possibile vedere due ipogei del V sec. a. C. che fanno bella mostra di sè sotto l'imponenza della Chiesa di San Giusto. Il primo si mostra come una cavità spoglia, la seconda invece presenta un lungo dromos che, con una rampa di scale, scende nel terreno. Un cancello normalmente vieta l'ingresso, ma tra le sue sbarre è possibile vedere un vestibolo quadrato sul quale si aprono tre piccole camere funerarie ognuna munite di banchine per la deposizione delle urne cinerarie. I reperti provenienti da questa necropoli sono visibili al museo archeologico di Cecina.

> Leggi, Tombe di San Giusto

Buche etrusche

Le tombe più belle del territorio

Se vuoi visitare da dentro gli ipogei etruschi e toccare con mano questi luoghi antichissimi potresti visitare gli Ipogei del Portone. Utilizzate in particolare nel periodo ellenistico ed anche in epoca imperiale dal popolo Etrusco, i tre quarti delle urne in visione nel Museo Archeologico di Volterra provengono da questa necropoli.

Venendo da Volterra, l’ingresso al pianoro dove sono situate le due tombe è in prossimità dell’Agriturismo Villa Marmini, struttura ricettiva da prendere come punto di destinazione per una una eventuale ricerca online sulle coordinate GPS.

A ridosso della strada, sulla sinistra, è presente una scalinata; individuata è necessario parcheggiare sulla banchina della stessa strada, ma a sinistra. Le tombe generalmente sono illuminate, ma non sempre il servizio elettrico è erogato. Onde evitare spiacevoli soprese, portatati una torcia super luminosa.

Evita di toccare le pareti e i soffitti, preserva con buonsenso questi siti storici.

> Scopri, Tombe del Portone