By appointment only
Open hours today: By appointment only
  • Monday

    By appointment only

  • Tuesday

    By appointment only

  • Wednesday

    By appointment only

  • Thursday

    By appointment only

  • Friday

    By appointment only

  • Saturday

    By appointment only

  • Sunday

    By appointment only

  • Ottobre 7, 2022 16:09 local time

Chiesa a protezione del tabernacolo

Una nevicata straordinaria

Un tempo dove ora è situato l'Oratorio si trovava un antico tabernacolo, uno dei tanti madonnini che si vedono ancora lungo le strade e specialmente agli incroci. Questo però aveva una Madonna col Bambino, una pittura di valore tanto da essere attribuita a Pier Francesco Fiorentino, un pittore della seconda metà del Quattrocento che operò molto sia a Volterra che in Valdelsa (Certaldo, San Gimignano, Colle di Valdelsa e Pancole).

Il tabernacolo fu eretto nel Seicento; col tempo fu protetto con una tettoia, poi fu costruito un oratorio e in seguito ampliato come vediamo anche oggi per ben custodire tale pittura nota come la Madonna della Neve, che dà il nome all'attuale oratorio. La Madonna della Neve viene onorata il 5 agosto e assume tale nome da un fatto incredibile: una nevicata fuori tempo per intercessione della Madonna. Da ricordare che un santuario dedicato alla Madonna della Neve si trova anche a Romituzzo di Poggibonsi ed è patrona di quarantadue Comuni, si venera in diciotto frazioni e si festeggia in altre ventitrè località.

Invocazione a difesa del morbo

Madonna del Tifo

La Madonna di questo oratorio viene onorata anche come Madonna del Tifo. Una epidemia che colpiva spesso i paesi di collina dove l'acqua scarseggiava, era il tifo; la malattia, che ha martoriato fino agli ultimi anni dell'Ottocento, era dovuta all'acqua conservata per mesi nelle cisterne. Fu proprio così che alla fine dell'Ottocento il vicino Comune di Montaione ed anche di Castelfìorentino e di Colle di Valdelsa furono colpiti dal tifo petecchiale causando varie centinaia di vittime.

Gli abitanti di Villamagna allora invocarono la Madonna della Neve perché li preservasse da questo morbo, facendo il voto di festeggiarla ogni anno in segno di ringraziamento. Il voto è tutt'ora rispettato, rinnovato durante la seconda domenica di ottobre. Calamità ed episodi eccezionali convivono, così, nelle tradizioni locali, diventando parte integrante delle tradizioni di un luogo.

L'Oratorio della Madonna della Neve apre al pubblico sicuramente in occasione delle due festività mariane, tuttavia è sempre possibile vederla dall'esterno. Si trova adiacente al cimitero cittadino, a poca distanza dalla pieve principale di Villamagna.

Chiesa a protezione del tabernacolo

Una nevicata straordinaria

Un tempo dove ora è situato l'Oratorio si trovava un antico tabernacolo, uno dei tanti madonnini che si vedono ancora lungo le strade e specialmente agli incroci. Questo però aveva una Madonna col Bambino, una pittura di valore tanto da essere attribuita a Pier Francesco Fiorentino, un pittore della seconda metà del Quattrocento che operò molto sia a Volterra che in Valdelsa (Certaldo, San Gimignano, Colle di Valdelsa e Pancole).

Il tabernacolo fu eretto nel Seicento; col tempo fu protetto con una tettoia, poi fu costruito un oratorio e in seguito ampliato come vediamo anche oggi per ben custodire tale pittura nota come la Madonna della Neve, che dà il nome all'attuale oratorio. La Madonna della Neve viene onorata il 5 agosto e assume tale nome da un fatto incredibile: una nevicata fuori tempo per intercessione della Madonna. Da ricordare che un santuario dedicato alla Madonna della Neve si trova anche a Romituzzo di Poggibonsi ed è patrona di quarantadue Comuni, si venera in diciotto frazioni e si festeggia in altre ventitrè località.

Invocazione a difesa del morbo

Madonna del Tifo

La Madonna di questo oratorio viene onorata anche come Madonna del Tifo. Una epidemia che colpiva spesso i paesi di collina dove l'acqua scarseggiava, era il tifo; la malattia, che ha martoriato fino agli ultimi anni dell'Ottocento, era dovuta all'acqua conservata per mesi nelle cisterne. Fu proprio così che alla fine dell'Ottocento il vicino Comune di Montaione ed anche di Castelfìorentino e di Colle di Valdelsa furono colpiti dal tifo petecchiale causando varie centinaia di vittime.

Gli abitanti di Villamagna allora invocarono la Madonna della Neve perché li preservasse da questo morbo, facendo il voto di festeggiarla ogni anno in segno di ringraziamento. Il voto è tutt'ora rispettato, rinnovato durante la seconda domenica di ottobre. Calamità ed episodi eccezionali convivono, così, nelle tradizioni locali, diventando parte integrante delle tradizioni di un luogo.

L'Oratorio della Madonna della Neve apre al pubblico sicuramente in occasione delle due festività mariane, tuttavia è sempre possibile vederla dall'esterno. Si trova adiacente al cimitero cittadino, a poca distanza dalla pieve principale di Villamagna.