Closes in 20 minutes
Open hours today: 09:30 - 12:30, 14:00 - 18:30
  • Monday

    09:30 - 12:3014:00 - 18:30

  • Tuesday

    09:30 - 12:3014:00 - 18:30

  • Wednesday

    09:30 - 12:3014:00 - 18:30

  • Thursday

    09:30 - 12:3014:00 - 18:30

  • Friday

    09:30 - 12:3014:00 - 18:30

  • Saturday

    09:30 - 12:3014:00 - 18:30

  • Sunday

    Closed

  • Ottobre 7, 2022 18:11 local time

Opere in bronzo

Il metallo più pregiato degli Etruschi

Volterra è uno straordinario contenitore di tante piccole attività artistiche, che abbracciano i più tradizionali settori dell’artigianato italiano. In questo senso, la città si inserisce perfettamente nel tessuto di una Toscana solo apparentemente minore, caratterizzata dall’inestimabile tesoro culturale e socio-economico, in gran parte inesplorato e sconosciuto, delle innumerevoli realtà artigiane, eredi delle arti e dei mestieri che sono stati i protagonisti dello sviluppo della regione.

Nel laboratorio di Spartaco Montagnani, situato in pieno centro storico, dal 1978 si producono statuine fuse in bronzo (riproduzioni d´arte etrusca, tra cui la famosa Ombra della Sera) con accurata rifinitura manuale ed invecchiamento di tipo naturale. La caratteristica di questa produzione sta proprio nell'uso del metallo più pregiato, usato dagli Etruschi, rispetto ad altri prodotti simili realizzati in leghe metalliche più economiche (ottone, zama, antimonio) con lavorazioni più industrializzate. Per distinguere questi oggetti è nato il marchio "Bronzo garantito" che appare su tutte le sue realizzazioni e sulla garanzia a vita che accompagna gli articoli.

Cardo Maximus

La porta etrusca più famosa del mondo

Spartaco Montagnani lo trovi in Via Porta all'Arco. Questa via costituisce il primo tratto di un percorso viario che attraversa Volterra in direzione Sud-Nord. E' uno dei percorsi stradali più antichi dell’intera città e corrisponde a una parte del Cardo Maximus: la strada attraversava in direzione Nord-Sud la città antica seguendo l'antico tracciato di Via Porta all’Arco, Via Matteotti, Via Guarnacci e Via di Porta Diana; ancora oggi alle estremità di questo asse stradale si trovano le uniche due porte etrusche che si siano conservate a Volterra: la Porta all’Arco, che segna il margine Sud e la Porta Diana, posta all’estremità Nord.

Porta all’Arco costituisce il principale monumento architettonico di questa via. La porta, che si apre nel lato Sud delle mura, è caratterizzata da una copertura formata da un arco in conci di pietra decorato da tre teste inserite nella sua struttura.

Oltre ad avere una struttura inconsueta, il mistero che circonda questo monumento è dovuto anche al fatto che non sappiamo cosa rappresentino le tre teste che decorano l’arco.

> Scopri, Via Porta all'Arco

Opere in bronzo

Il metallo più pregiato degli Etruschi

Volterra è uno straordinario contenitore di tante piccole attività artistiche, che abbracciano i più tradizionali settori dell’artigianato italiano. In questo senso, la città si inserisce perfettamente nel tessuto di una Toscana solo apparentemente minore, caratterizzata dall’inestimabile tesoro culturale e socio-economico, in gran parte inesplorato e sconosciuto, delle innumerevoli realtà artigiane, eredi delle arti e dei mestieri che sono stati i protagonisti dello sviluppo della regione.

Nel laboratorio di Spartaco Montagnani, situato in pieno centro storico, dal 1978 si producono statuine fuse in bronzo (riproduzioni d´arte etrusca, tra cui la famosa Ombra della Sera) con accurata rifinitura manuale ed invecchiamento di tipo naturale. La caratteristica di questa produzione sta proprio nell'uso del metallo più pregiato, usato dagli Etruschi, rispetto ad altri prodotti simili realizzati in leghe metalliche più economiche (ottone, zama, antimonio) con lavorazioni più industrializzate. Per distinguere questi oggetti è nato il marchio "Bronzo garantito" che appare su tutte le sue realizzazioni e sulla garanzia a vita che accompagna gli articoli.

Cardo Maximus

La porta etrusca più famosa del mondo

Spartaco Montagnani lo trovi in Via Porta all'Arco. Questa via costituisce il primo tratto di un percorso viario che attraversa Volterra in direzione Sud-Nord. E' uno dei percorsi stradali più antichi dell’intera città e corrisponde a una parte del Cardo Maximus: la strada attraversava in direzione Nord-Sud la città antica seguendo l'antico tracciato di Via Porta all’Arco, Via Matteotti, Via Guarnacci e Via di Porta Diana; ancora oggi alle estremità di questo asse stradale si trovano le uniche due porte etrusche che si siano conservate a Volterra: la Porta all’Arco, che segna il margine Sud e la Porta Diana, posta all’estremità Nord.

Porta all’Arco costituisce il principale monumento architettonico di questa via. La porta, che si apre nel lato Sud delle mura, è caratterizzata da una copertura formata da un arco in conci di pietra decorato da tre teste inserite nella sua struttura.

Oltre ad avere una struttura inconsueta, il mistero che circonda questo monumento è dovuto anche al fatto che non sappiamo cosa rappresentino le tre teste che decorano l’arco.

> Scopri, Via Porta all'Arco